I posti puliti, illuminati bene di Hemingway

 

FurnitureErnest Hemingway è stato uno scrittore, un corrispondente di guerra e una delle personalità più importanti del XX secolo. Il suo stile di scrittura sobrio, basato sull’understatement, cambiò per sempre la narrativa mondiale e la sua vita avventurosa, al pari della sua immagine pubblica, ha influenzato tutte le generazioni successive.
Hemingway ha prodotto la maggior parte delle sue opere tra la metà degli anni ‘20 e la metà degli anni ’50 del secolo scorso: ha scritto sette romanzi, sei raccolte di racconti e due opere di saggistica, quest’ultime pubblicate postume insieme a tre dei suoi romanzi .
Ha attraversato quasi 62 anni di vita accompagnato da uno stile inconfondibile e molte delle sue opere sono pietre miliari della letteratura americana e internazionale.
Nato il 21 luglio 1899 a Oak Park, in Illinois, si tolse la vita con un colpo di fucile nell’estate del 1961 .
 
Il senso di avventura e la romantica stoicità dei suoi antieroi, caratterizzanti gran parte della sua narrativa, sono stati ripresi, quindici anni fa, da una collezione di 66 pezzi prodotta dalla Thomasville Furniture Industries .
La serie dedicata a Ernest Hemingway è il risultato di anni di ricerca e sviluppo, certificati da un eclettico, alquanto esotico e sofisticato gruppo di arredi magistralmente prodotti, che, in base al produttore, sono ispirati più ai luoghi dove l'autore di Per Chi Suona La Campana ha vissuto che non all’arredamento che possedeva egli stesso nelle sue case.
 
La collezione è suddivisa in quattro grandi categorie, che prendono il nome da alcuni dei luoghi in cui il più grande scrittore della sua generazione aveva vissuto, ovvero Ketchum, L'Avana, Key West e il Kenya. Sul sito della Thomasville, comunque, essi sono proposti nell’ordine suggerito dagli ambienti a cui questi articoli sono destinati, che sono il soggiorno, la sala da pranzo e la camera da letto.
Il catalogo attuale è un aggiornamento della prima collezione, che fu presentata nell'ottobre del 1998 per celebrare l'allora imminente centenario della nascita di Hemingway: il revival del 2004 trova la sua logica nel fatto che, allo stesso modo, la Thomasville Furniture Industries celebrava, proprio quell’anno, il centesimo anno continuativo di attività, coincidente anche con la ricorrenza del cinquantesimo anniversario della consegna a Hemingway del premio Nobel per la letteratura, conferitogli dopo la pubblicazione de Il Vecchio E Il Mare.
 
La Thomasville Furniture Industries, nata come Thomasville Chair Co., iniziò la sua attività in una piccola fabbrica. Dovendo pagare del legname a due contadini locali, T.J. Finch e suo fratello, C.F. Finch, e non avendo i $ 2,000 necessari, la società offrì loro dello stock a saldamento del debito: i due fratelli accettarono e decisero anche di acquistare il resto delle azioni della compagnia. Sotto l’egida della famiglia Finch gli affari migliorarono e, anche grazie alle successive acquisizioni, nel 1917 le vendite fecero registrare l’allora iperbolico ricavo di un milione di dollari. L'azienda divenne così la principale fabbrica dell’intera città e a quest’ultima fu quindi dato il soprannome di Chair City.
 
Per sopravvivere alla Grande Depressione, successivamente, l’azienda smise di pagare i dividendi agli azionisti e il management subì un drastico taglio di stipendio. Nel 1930 la proprietà decise di reagire migliorando la qualità della produzione e del design e furono avviati specifici corsi che insegnavano ai nuovi dipendenti le tecniche di produzione più aggiornate.
Nel 1941, la Thomasville Chair Co. entrò in guerra con il resto del paese, fornendo articoli richiesti dal governo federale, come i letti a castello per l'esercito e le strutture per le tende. Con la chiamata alle armi degli uomini, furono anche assunte molte donne, che iniziarono a lavorare in fabbrica nel marzo del 1942.
 
La nuova sede fu completata nel 1974 e l' attuale gestione ama spiegare che l’Ernest Hemingway Collection è stata ispirata, come detto, ai viaggi in Europa del vincitore del Premio Pulitzer, ai suoi safari in Africa, alle battute di pesca e di caccia a Key West e a L'Avana, così come al tempo che spese come corrispondente di guerra a Londra.
Tra le collezioni elencate sopra, la Ketchum comprende quasi esclusivamente articoli tappezzati in pelle, tra i quali spicca una poltroncina dedicata ai giorni che Papa - uno dei soprannomi di Hemingway – trascorse pescando, sciando e scrivendo al Sun Valley Lodge.
 
Gli articoli, prevalentemente in massello, della categoria Key West richiamano lo stile coloniale britannico e quelli della categoria Havana si ispirano agli arredi dell’America centraleUltima, ma non meno importante, la raccolta Kenya, che include un discreto numero di pezzi realizzati con materiali particolari e in una scala di grandi dimensioni, volutamente mascolina.
Il grande letto Kilimanjaro, ad esempio, è realizzato con della canna intrecciata che va a formare la pediera e la testiera, quest’ultima sormontata da un grande pinnacolo di metallo a forma di uovo di struzzo.

A più di 50 anni da quell’alba del 2 luglio 1961, è bello pensare che a Hemingway sarebbe piaciuto sdraiarsi su uno di questi letti per concedere tregua al mal di schiena e sognare finalmente i leoni.  

Pin It

Pagina 5 di 13

.